Struttura della Confederazione svizzera nel XVIII secolo

Nel XVIII secolo la Vecchia Confederazione non equivaleva in alcun modo a uno Stato in senso moderno. Consisteva piuttosto in un intreccio di piccoli Stati sovrani, i quali avevano formato un’unione non vincolante, di cui tuttavia non tutte le regioni della Svizzera facevano ugualmente parte. Il nucleo era formato dai Tredici Vecchi Paesi (cantoni) costituiti da comunità cittadine o rurali. I

Visualizza la carta nell’atlante

Struttura della Confederazione svizzera nel XVIII secolo

Parole chiave: Storia e Futuro, Sviluppo territoriale
Estensione spaziale: Svizzera plus
Unità temporale: 1798

Elementi della carta: Appenzell, Baden, Basel, Bellenz (Bellinzona), Bern, Biel, Biel/Bienne, Bollenz (Blenio), Cleven (Chiavenna), Engelberg, Freiamt, Freiburg, Fribourg, Fürstbistum Basel, Genf, Gersau, Glarus, Gotteshausbund, Grandson, Grasburg / Schwarzenburg, Grauer Bund, Hohensax/Gams, La Neuveville, Lauis (Lugano), Luggarus (Locarno), Luzern, Maiental (Val Maggia), Mendris (Mendrisio), Morat, Moutier-Grandval, Mülhausen/Mulhouse, Mulhouse, Neuenburg, Orbe und Echallens, Österreich/Habsburg, Rapperswil, Reffier (Riviera), Rheintal, Rottweil, Sargans, Schaffhausen, Schwyz, Solothurn, St. Gallen, Stadt St.Gallen, Sünders (Sondrio), Thurgau, Unterwalden, Uri, Uznach, Villars-Espiney, Wallis, Windegg / Gaster , Worms (Bormio), Zehngerichtebund, Zug, Zürich